La mia prima volta da una mistress - parte 3 -

fatto sta a fine della chiamata si ferma e mi dice:
che ore sono ?
io risposi : 14.10
lei : se vuoi ubbidire alla tua padrona , fatti trovare da me alle 14.25 in punto , altrimenti non presentarti neanche .
io : impietrito e con la fotta di vederla risposi semplicemente : non la deluderò.
salii in moto e mi precipitai al suo indirizzo.
un portone maestoso faceva scuso alla mia padrona e un abitazione di alta classe ideale per accogliere e far vivere serena la mia padrona.
suonai il campanello e mi rispose dicendomi … alla fine ce l'hai fatta schiavo mio.
e mi diede il tiro alla porta.
salii correndo dalla gradinata e appena arrivo a ridosso della porta gia' mezzo aperta , vedo che si chiude davanti ai miei occhi .
da dentro sento la voce della mia padrona che mi dice :
brutto verme cosa pensi di fare . vuoi correre da me in maniera così volgare?
spogliati davanti alla porta e lascia i tuoi vestiti li per terra.
ritorna giù e mettiti davanti alla porta e ripresentati come si deve alla mia persona.
io ubbidii. mi spogliai completamente , appoggiai i miei vestiti per terra e ritornai in strada a suonare il campanello .
lei mi rispose e mi disse .
sono le 14.30 sei in ritardo , vattene e riattacco.
ero nudo , in mezzo alla strada e non faceva neanche caldo .
riprovai a suonare il campanello supplicandomi di aprirmi la porta.
lei mi rispose soltanto dicendomi .
fammi vedere come ti fai una sega …
lei mi vedeva dal citofono e io iniziai a masturbarmi in strada davanti al citofono.
gli sborrai sul portone e lei incazzata mi rispose
ora la lecchi tutta e mi devi fare la porta pulita come prima .
continua…

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!