• Pubblicata il:
  • Autore: Michele il poeta
  • Categoria: Racconti bisex
  • Pubblicata il:
  • Autore: Michele il poeta
  • Categoria: Racconti bisex

LA DIVINA COMMEDIA

Questo pene che contra me venisse


con la test' alta e rabbiosa fame,


si che parea il buchetto mi tremasse.


 


Ed un lupa, che tutte brame


sembrava carcare la sua durezza,


e molte genti fè già viver grame,


 


questa mi porse tanto di gravezza


con la paura ch'uscia di sua vista,


ch'io perdei la speranza de la sua lunghezza.


 


E qual è quei che volentieri m'infilasse,


e giunge il tempo che perdere la verginità lo fece,


che 'n tutti i suoi pensier piange e s'attrista;


 


ragazzo mi fece ho la bestia senza pace,


che, penetrandomi dentro, a poco a poco


mi martellava là dove 'l pene tace.


 


Mentre ch'ì rovinava in basso loco,


dinanzi a li occhi mi si fu offerto chi per lungo silenzio parea poco.


 


Quindi vidi costui nel gran disegno,


 Miserere me, gridai a lui,


 rispuosemi: Non uomo, ma omo già fui,


e li parenti miei furon contenti,


che l'ì sesso mi piace con uomo e donna tutt'eddui.


 


Nacqui ibrido, ancor che fosse tardi,


e vissi nell'ombra sotto 'l buon Augusto


nel tempo de li uomini falsi e bugiardi.

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!