Il regalo di Natale più bello . ottava parte. - Forlì Cesena Trasgressiva

Il regalo di Natale più bello . ottava parte. - Forlì Cesena Trasgressiva

La cena si svolse in totale allegria.
Mangiammo, bevemmo e brindammo più volte, sorridendo e per tutto il tempo il e Andrea ci scambiammo occhiatine e piccole carezze nascoste sotto il tavolo.
Il mio ragazzo non sospettava niente e io giocavo con Andrea con piccoli segnali piccanti, occhiatine maliziose e quando tolsi il tovagliolo dalle gambe, a fine serata, mi sentii felicissime di poter mostrare le mie gambe a lui e un piccolo pezzo di autoreggenti e notai che lui fu veramente felice.
Mi tornò in mente la notevole sorpresa che aveva tra le gambe e mi domandai cosa provassero le donne che avevano scopato con lui, pensai a tutte i racconti che avevo sentito da amici, dei loro incontri con trans e trav, al fatto che anche i miei genitori si erano iscritti a una sexy community e mi dissi che alla fine non si può negare che tutti partecipiamo attivamente al nostro ruolo trasgressivo.
La cena terminò in sala seduti sul divano e poltrone e mio padre ne approfittò per sfoderare tutte le sue grappe e dopo un paio di grappe, il livello alcolico si alzò e passammo la serata a ridere tutti insieme.
"Perdonatemi ma devo andare in bagno".disse Andrea.
"La grappa fa effetto".
"Già".
"Si, ti accompagno.. devo farla anche io".
"Hey, voi due fate i bravi" disse mio padre.
Guardai Luca, il mio ragazzo e gli dissi:
"Vuoi venire a controllare?"
"Naaaa...tranquilla, si scherza".
Mi misi a ridere anche io e accompagnai Andrea al bagno di sotto e aspettai fuori dalla porta.
La voglia di sbirciare era enorme, ma riuscii a fare la brava e a fare in modo che l' alcool non prendesse il sopravvento, abbattendo le mie convinzioni.
Quando aprì la porta entrai e lo trascinai di nuovo entro, soffocando la mia bocca contro la sua in un bacio bellissimo mentre con una mano gli presi il cazzo da sopra i pantaloni... nel giro di qualche secondo gli stava già diventando duro.
"Meglio se vado... non posso uscire messo così".
"Ok".
Mi guardai allo specchio e sorrisi...fortunatamente non mi ero messa il rossetto.
Tornai in sala e proseguimmo col divertimento, facemmo un altro paio di drink e il mio ragazzo alla fine si addormentò sulla poltrona in balia della grappa.
A quel punto decidemmo che sarebbe stato meglio che tutti andassimo a dormire.

Vota la storia:




Iscriviti alla Newsletter del Sexy Shop e ricevi subito il 15% di sconto sul tuo primo acquisto


Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali come previsto dall'informativa sulla privacy. Per ulteriori informazioni, clicca qui

Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI